.

Scarica il listino completo

Jane et Sylvain

Per questa azienda a carattere familiare, collocata verso l'uscita sud di Gevrey-Chambertin e praticamente sconosciuta qui da noi come in tutto il resto d'Europa e persino in Borgogna (provate voi stessi a chiedere indicazioni sulla sua ubicazione al primo che passa nel centro di Gevrey...), più che l'aggettivo "piccola" si può spendere quello di "microscopica". Jane Bernollin e suo marito Sylvain Raphanaud lavorano poco più di quattro ettari, pressoché tutti nel comune dove ha sede la cantina, per una gamma di etichette ridottissima: oltre a due vini episodicamente licenziati (un Passetoutgrain con un po' di Gamay dentro e un Cote de Nuits-Villages), quelli prodotti ogni anno sono soltanto tre: un Bourgogne Rouge di medio interesse (almeno nell'annata 2011; il 2012 sarà assai migliore ma ce ne sarà pochissimo) e due vini di caratura chiaramente superiore, che abbiamo deciso di proporre entrambi, un gran buon "Village" e un incantevole Premier Cru "Fonteny". L'azienda è certificata Bio (Ecocert) sin dal 2003, ma a dirla tutta ha scelto da subito un protocollo produttivo assai più severo di quanto le direttive europee del Biologico non ritengano sufficienti alla certificazione. Bandito ogni prodotto di sintesi in vigna, si procede in cantina a vinificazioni spontanee in cui la mano di Sylvain non interviene se non in casi di urgenza estrema. Qui si fa vino, insomma, senza fretta e senza smania di piacere ad ogni costo; e però i vini a noi sono piaciuti eccome, e anche parecchio: almeno tanto quanto ci sono piaciute le persone, cioè Jane e Sylvain, deliziosi, disponibili, carichi di umanità e di simpatia oltre che di talento e sensibilità.

Nessun risultato.

Prova ad eseguire una nuova ricerca